ExtraLibera, le giornate di Contromafiecorruzione

ExtraLibera, le giornate di Contromafiecorruzione

Il programma delle due giornate, informazioni logistiche e accrediti giornalisti

Negli ultimi due anni è mancato un momento di confronto, in presenza, con il quale fare il punto della situazione e proporre alcune priorità sulle politiche antimafia e anticorruzione. La pandemia ha costretto le nostre realtà sociali, le nostre comunità e la società a misurare la tenuta del territorio e il risultato sotto gli occhi di tutti è che tale tenuta dipende prima dalla resistenza del suo tessuto sociale e poi dall’investimento economico profuso.

A partire dall’analisi e dalla messa a fuoco di alcune priorità nella lotta alle mafie e alla corruzione, l’esperienza ormai quindicinale di ControMafieCorruzione si rinnoverà profondamente proponendo una nuova formula, capace di essere più prossima alle persone e di penetrare nei contesti locali.

Contromafiecorruzione riparte. E si trasforma in ExtraLibera.

ExtraLibera, perché rivedersi in presenza, per un momento di confronto e analisi, rappresenta il tornare a vivere il fuori e gli spazi comuni.

ExtraLibera, perché il percorso ci porterà a una sintesi di proposte e azioni, che vogliamo mettere a fattor comune anche fuori dalla nostra rete, un programma di lavoro nel quale tutti si possano sentire coinvolti e a casa.

ExtraLibera, perché l’alta qualità del confronto generato tra partecipanti del movimento, realtà sociali e attori istituzionali, costituirà un momento innovativo e straordinario.

 

ExtraliberaExraLibera – Le giornate di Contromafiecorruzione,

29 e 30 aprile 2022 l’Auditorium Parco della Musica (Via Pietro de Coubertin, 30)

Le iscrizioni sono chiuse. E’ possibile presenziare alle due giornate recandosi direttamte all’Auditorium all’inizio dei lavori.

Accesso è consentito solo con il green pass e mascherina

Il giornalisti che voglio seguire l’ evento devono registrarsi compilando il modulo accredito

PROGRAMMA

Venerdì 29 aprile

ore 10.00 accoglienza dei partecipanti ai gruppi di lavoro

ore 10:30/13.00: si svolgeranno in 11 sale dislocate a Roma i lavori di restituzione dei gruppi tematici di questa edizione.

Ore 14.00: Inizio registrazione e accoglienza presso l’Auditorium Parco della Musica

Ore 15.00: Intervento di apertura di don Luigi Ciotti

Ore 15.35: Saluti dell’Assessore al Patrimonio e alle Politiche Abitative del Comune di Roma Tobia Zevi

Ore 15.40: Saluti del Presidente della Regione Nicola Zingaretti

Ore 15.50: Video di saluto del Presidente della Camera Roberto Fico

Ore 16.00: Sintesi delle proposte dei gruppi di lavoro di Francesca Rispoli

Ore 16.30: Testimonianza di Piero Nava, primo testimone di giustizia

Ore 16.40: Tavola rotonda “Mafie e corruzione dopo la pandemia: quali politiche di contrasto istituzionale e sociale” , condotta da Mario Calabresi (CEO Chora Media e Ufficio di Presidenza di Libera), con interventi di Rosy Bindi (già presidente della Commissione Parlamentare Antimafia), Nando dalla Chiesa (Presidente Onorario di Libera), Federico Cafiero de Raho (già Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo), Gian Luca Trequattrini (Responsabile per l’etica e la prevenzione della corruzione della Banca d’Italia), Luigi Ferrucci (Presidente FAI – Federazione delle associazioni Antiracket e Antiusura).

Coordina i lavori della Lucilla Andreucci, Ufficio di Presidenza di Libera

Sabato 30 aprile

In memoria di Pio La Torre e di Rosario Di Salvo,nel quarantesimo anniversario della loro morte

dalle ore 8.30: ingresso in Auditorium

ore 9.00: Letture in memoria di Pio La Torre e Rosario Di Salvo

ore 9.10: Saluto video della Ministra della Giustizia Marta Cartabia

Ore 9.15: Saluto di Gian Carlo Caselli, presidente onorario di Libera. A trent’anni dalle stragi, il nostro impegno contro le mafie e la corruzione

Ore 9.30: Monologo di Vanessa Scalera

Ore 9.50: Confronti tematici

Il PNRR un’occasione di crescita, un rischio per le infiltrazioni mafiose e corruttive. Il ruolo delle istituzioni e le proposte delle parti sociali. Confronto con Giuseppe Busia – Presidente ANAC, Maurizio Vallone – Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, Maurizio Landini – Segretario nazionale CGIL, Stefano Ciafani – Presidente Legambiente. Dialogo con Alberto Vannucci, Università di Pisa e Ufficio di Presidenza di Libera.

Gli strumenti investigativi nella lotta alle mafie: la strada da percorrere, le conquiste da difendere e la lotta agli arretramenti. Confronto con Paolo Savio, DDA di Brescia, Ilaria Calò, DDA di Roma, Giuseppe Lombardo, Procura di Reggio Calabria, Franca Imbergamo, Procura nazionale antimafia e antiterrorismo. Dialogo con Enza Rando, Ufficio di Presidenza di Libera.

Le innovazioni necessarie per rendere più efficace la lotta alle mafie e alla corruzione. Alcune direttrici: il patrimonio dei beni confiscati, le proposte educative e le alternative per i minori a rischio, il ruolo delle donne, il diritto alla verità, le proposte di azione a livello europeo. Confronto con Francesco Menditto – Procuratore di Tivoli e Consigliere ANBSC, Roberto di Bella – Presidente del Tribunale per i minori di Catania, Paola de Nicola Travaglini – Consigliera giuridica della Commissione d’inchiesta sul femminicidio, Roberto Giovanni Conti – Consigliere della Corte di Cassazione, Antonio Balsamo – già Consigliere Giuridico della Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite a Vienna, oggi presidente del Tribunale di Palermo. Dialogo con don Luigi Ciotti.

Ore 12: Conclusione di Luigi Ciotti, Presidente di Libera

Coordina i lavori Lucilla Andreucci, Ufficio di Presidenza di Libera

Leave a Reply

Your email address will not be published.